Babaji e gli Italiani

Blog post description.

Kalavati

2/28/20241 min leggere

Babaji dirige i lavori a Hairakhan
Babaji dirige i lavori a Hairakhan

La capacità di accoglienza del posto era limitata: non più di un centinaio di persone. Dal momento che in undici anni il nome di Babaji s'era diffuso in tutto il mondo attirando innumerevoli persone d'ogni nazionalità, risultava quindi un mistero come ad Hairakhan vi fosse sempre posto per chiunque venisse; sembrava che una regia superiore coordinasse a livello della volontà individuale, le partenze e gli arrivi. Fra i vari gruppi che si formavano quello Italiano risultava il più numeroso e compatto. Un tempio era stato costruito da essi e perciò veniva definito "tempio Italiano". Non solo. In alcuni momenti funzionava una specie di ristorante Italiano a pagamento dov'era possibile assaggiare gli spaghetti al dente: sembrava quasi un miracolo in India, in quel posto così lontano e solitario. Il feeling fra gli Italiani ed il Maestro era molto intenso, una volta Egli aveva affermato che tutti dovevano diventare santi ma prima dovevano trasformarsi in Italiani; del resto essi avevano un amore per Lui veramente profondo ed una dedizione esemplare anche se non si poteva dire altrettanto per il karma yoga; in generale battevamo la fiacca di fronte ad un lavoro quotidiano che era notevole e vivace: Hairakhan sembrava un cantiere a cielo aperto.

Om Aria Calda, Babaji Cosmico Joker, di Libero - Giuseppe Libero Mangieri

libro ed ebook J. Amba Edizioni https://www.j-ambaedizioni.com/om-aria-calda

versione cartacea e altri formati https://www.amazon.it/dp/B0BVDX1JGJ

#Babaji #mahavatar #guru #India #Himalaya #Hairakhan